Razionale scientifico dell’evento
La Psichiatria di Consultazione e Collegamento
nasce come disciplina, in Italia, contestualmente
alla messa in atto delle leggi 180 e 833 alla fine
degli anni ’70 del secolo scorso. Il percorso di
de-istituzionalizzazione della malattia mentale
sancì infatti la fondazione della psichiatria di
comunità a partire dall’istituzione dei reparti di
psichiatria all’interno dell’Ospedale Generale.
Questa innovazione si proponeva di smantellare
la violenza e l’isolamento delle pratiche asilari e
contemporaneamente creava un avvicinamento
concettuale e fisico della psichiatria alla medicina.
La consapevolezza culturale e scientifica che il
paradigma bio-psico-sociale non è solo una bella
teoria, ma una precisa necessità che deve guidare
l’azione clinica, si è progressivamente diffusa ed è
oramai un patrimonio clinico, formativo e di ricerca
condiviso da tutta la comunità scientifica. Alla
Psichiatria di Consultazione e Collegamento spetta
l’arduo compito di tradurre questo paradigma
in precise pratiche cliniche. Questo ha fatto e
continua a fare, a Modena, il Servizio di Consulenza
Psichiatrica-Psicosomatica: istituito nel 1989
grazie alla lungimiranza del prof. Marco Rigatelli, il
Servizio ha contribuito a creare e consolidare una
cultura operativamente olistica della salute, nel
senso più profondamente psicosomatico.
Obiettivo del seminario odierno è ripercorrerne la
storia, i risultati ottenuti sul piano clinico, scientifico
e formativo e mettere a fuoco auspicabili percorsi
di espansione futura, all’opera in una realtà molto
diversa da quella degli esordi, forse molto più
complessa, e quindi anche per questo ancor più
bisognosa di chiavi di lettura come quelle che solo
la prospettiva psicosomatica può fornire.


La Psichiatria di Consultazione e Collegamento
nasce come disciplina, in Italia, contestualmente
alla messa in atto delle leggi 180 e 833 alla fine
degli anni ’70 del secolo scorso. Il percorso di
de-istituzionalizzazione della malattia mentale
sancì infatti la fondazione della psichiatria di
comunità a partire dall’istituzione dei reparti di
psichiatria all’interno dell’Ospedale Generale.
Questa innovazione si proponeva di smantellare
la violenza e l’isolamento delle pratiche asilari e
contemporaneamente creava un avvicinamento
concettuale e fisico della psichiatria alla medicina.
La consapevolezza culturale e scientifica che il
paradigma bio-psico-sociale non è solo una bella
teoria, ma una precisa necessità che deve guidare
l’azione clinica, si è progressivamente diffusa ed è
oramai un patrimonio clinico, formativo e di ricerca
condiviso da tutta la comunità scientifica. Alla
Psichiatria di Consultazione e Collegamento spetta
l’arduo compito di tradurre questo paradigma
in precise pratiche cliniche. Questo ha fatto e
continua a fare, a Modena, il Servizio di Consulenza
Psichiatrica-Psicosomatica: istituito nel 1989
grazie alla lungimiranza del prof. Marco Rigatelli, il
Servizio ha contribuito a creare e consolidare una
cultura operativamente olistica della salute, nel
senso più profondamente psicosomatico.
Obiettivo del seminario odierno è ripercorrerne la
storia, i risultati ottenuti sul piano clinico, scientifico
e formativo e mettere a fuoco auspicabili percorsi
di espansione futura, all’opera in una realtà molto
diversa da quella degli esordi, forse molto più
complessa, e quindi anche per questo ancor più
bisognosa di chiavi di lettura come quelle che solo
la prospettiva psicosomatica può fornire.